Teatro Giuseppe Piermarini

Posizione

Matelica

La costruzione dell’attuale teatro di Matelica venne affidata nel 1805 a Giuseppe Piermarini, a cui è intitolato, famoso per aver progettato numerose sale teatrali tra cui La Scala di Milano. In seguito alla morte dell’architetto, l’edificio venne realizzato dai capomastri locali Domenico Belli e Francesco Fontana, che non rimasero però fedeli al disegno originale. Inaugurato nel 1812, subì un radicale restauro per mano dell’architetto Vincenzo Ghinelli, che allargò il boccascena e il palcoscenico, ridisegnò la linea dei palchi ampliando la curva a ferro di cavallo e modificò le rampe d’accesso. Ad un secondo intervento, eseguito dall’ingegner Luigi Petrini nel 1873, sono dovuti invece la trasformazione del quarto ordine di palchi in loggione a balconata e il rifacimento del tetto, che comportò la perdita della volta decorata dal pittore Spiridione Mattei. Oggi il teatro presenta una sobria decorazione di ispirazione neoclassica prevalentemente in bianco e oro, i palchi sono inquadrati da colonnine, mentre quelli di proscenio risultano stretti tra due paraste con capitelli corinzi, e il soffitto è ornato dai disegni di Tito Boccolini.