Chiesa di Santa Maria in Vepretis

Posizione

San Ginesio

Numerose le vicende che hanno interessato nel corso dei secoli la chiesa di Santa Maria in Vepretis fino ad epoca settecentesca, cui si deve l’aspetto attuale. L’esterno in laterizio è caratterizzato da linee architettoniche piuttosto semplici e diviso in due fasce sovrapposte, con un portale quadrangolare altrettanto essenziale. L’interno presenta un impianto ad aula unica, con sei cappelle laterali che si aprono sulla navata con tetto a capriate lignee, intervallate da paraste pseudo-tuscaniche. Il presbiterio ospita, sopra al coro in noce, la pala con l’Assunzione della Vergine attribuita a Carlo Maratta (1625-1713), mentre il restante apparato decorativo si sviluppa perlopiù negli altari minori con gli stucchi realizzati dal camerinese Cipriano Morelli.