Chiesa di Santa Maria di Piazza

Posizione

Mogliano

Il nucleo originale della Collegiata era costituito da una cappellina eretta nel 1420 per invocare la protezione della Madonna contro le pestilenze, nucleo attorno al quale furono effettuati innesti architettonici tali da rendere il luogo una vera e propria chiesa verso la fine del XV secolo. Nel 1548 la chiesa ulteriormente ampliata assunse la dedicazione alla Santa Vergine Assunta in Cielo e nell’altare maggiore venne collocato l’omonimo dipinto realizzato da Lorenzo Lotto nel 1547. Corposi lavori vennero effettuati nel corso del XVIII secolo su supplica della Sacra Congregazione del Buon Governo e come sovrintendenti alla fabbrica vennero nominati Francesco Marchetti e Domenico Cosimi. Dopo alcune vicissitudini, nel 1771 avvenne la stipula di un nuovo contratto per la conclusione dei lavori con la realizzazione di stucchi e capitelli e nel 1774, con la consacrazione solenne della chiesa da parte dell’arcivescovo fermano Urbano Paracciani, l’edificio poté dirsi concluso. L’impianto è a tre navate con la maggiore coperta con volte a botte cinghiata e le minori ognuna costituita da tre cappelle passanti. La decorazione a stucchi risulta molto sobria ad eccezione del pulpito decorato sulla sinistra a metà navata. L’altare maggiore ligneo dove venne collocata l’Assunta di Lorenzo Lotto è opera dell’artista moglianese Giovan Battista Angeletti (1670-1752).