Chiesa di San Giuseppe

Posizione

Pollenza

Il primigenio edificio venne eretto nel 1562 e di questo perdura oggi solo il portale centinato in pietra bianca, che orna la facciata in laterizio semplice, chiusa entro due paraste tuscaniche. Osservando l’interno, ad aula unica dall’impianto leggermente longitudinale, appare chiaro che si tratta di un rifacimento settecentesco, nel quale spicca il sontuoso dossale centrale, dorato e inquadrato da quattro colonne strombate, e gli altari minori dedicati rispettivamente a sinistra a Santa Caterina Vergine e Martire, a destra a San Giacinto. In controfacciata è ubicata un’elegante cantoria simile ai balconcini dei coretti, mentre l’altare maggiore ospita la pala raffigurante il Transito di San Giuseppe, copia ottocentesca del dipinto del caravaggesco napoletano Giovanni Battista Caracciolo detto “il Battistello” (1578-1635). Nel vicino convento sono conservati altri due dipinti del Caracciolo, il Sogno di San Giuseppe e la Fuga in Egitto.