Chiesa di San Giovanni Battista

Posizione

Penna San Giovanni

L’originaria Plebs Sancti Johannis del Castello fu fondata tra il 1251 e il 1256 dall’architetto Giorgio da Como, riportato nei documenti come Maestro Giorgio da Jesi. Varie le vicissitudini che hanno interessato l’edificio, tra cui la ricostruzione risalente al 1736 che ne ha determinato le forme attuali, con un impianto a croce latina e un transetto poco sviluppato. La facciata in pietra è piuttosto semplice, divisa orizzontalmente da un sottile cordolo aggettante con portale e due finestre nella parte alta. Tra le opere di pregio che ornano l’interno va segnalata la presenza della pala raffigurante il Battesimo di Gesù nel fiume Giordano riferita all’ambito di Carlo Maratta, ubicata nell’altare maggiore, la Madonna in Gloria con Apoteosi di angeli di autore ignoto settecentesco all’interno della cupola e il ciclo raffigurante le Storie di Battista realizzato dal pittore pesarese Ciro Pavisa nel 1939.