Concattedrale di Sant'Agostino

Posizione

San Severino Marche

Sant’Agostino è oggi la chiesa principale di San Severino Marche nonché Concattedrale dell’Arcidiocesi di Camerino - San Severino Marche. Comunemente viene chiamata anche Duomo nuovo per distinguerla dal precedente, intitolato al santo patrono e sito nella parte alta del Monte Nero. Nel 1821, infatti, Pio VII ordinò il trasferimento della Cattedrale nella parte bassa della città, poiché l’antica chiesa risultava ormai essere distante dalla vita cittadina. Originariamente intitolata a Santa Maria Maddalena, le prime notizie risalgono alla metà del XIII secolo, quando vi si stabilì una comunità di Agostiniani che rimase fino agli inizi del XIX secolo. L’edificio primitivo è stato più volte rimaneggiato: il primo ampliamento ebbe luogo nel corso del Quattrocento, mentre il secondo circa un secolo dopo quando la chiesa venne intitolata a Sant’Agostino. La semplice facciata a capanna in laterizio conserva importanti testimonianze artistiche gotiche, come il bel portale in cotto e pietra, inquadrato in una decorazione a motivi vegetali, e la torre campanaria. L’interno, radicalmente rifatto nel Settecento e successivamente in occasione dell’elezione a Cattedrale (1827), è di vaste dimensioni e presenta una pianta basilicale a navata unica.